Padre Anthony Perkins: perché non è necessario che ti piaccia il tuo padre spirituale

Ci sono molte ragioni per cui non ti piace il sacerdote. Forse perché le sue prediche sono aride, non ancorate agli scritti patristici, o troppo lontane dal testo del vangelo. Le sue risposte alle tue domande teologiche, spirituali e personali più profonde possono lasciarti freddo e infelice. Potrebbe essere un confessore inesperto, che dà solo l’assoluzione dopo la confessione e risposte standard riguardo a “regola di preghiera”, ” al perdono” e ” al umiltà”. Gli può mancare la “leadership” carismatica e visionaria che ispira la vita (il progresso) della parrocchia. Può cantare in modo falso, il suo accento può essere troppo evidente o può celebrare troppo velocemente o troppo lentamente. Può essere troppo semplice o troppo elevato, emotivo o impersonale, timido o aperto, fondamentalista o liberale, socievole o noioso.

Qualunque siano i suoi difetti umani, ce ne sono abbastanza per farti antipatia. E questo va bene: non ti deve piacere il tuo sacerdote.

I cristiani ortodossi spesso si sentono in colpa o insoddisfatti se non si sentono bene con il loro sacerdote. Hanno ricordi di sacerdoti che sono stati grandi liturgisti, pastori, animatori, confessori, insegnanti o buoni dirigenti. Gli ortodossi sono cresciuti con storie di anziani migliorati e sacerdoti santificati, ma anche con le memorie agiografiche di altri sacerdoti, e tutto questo alza l’asticella della competenza a un livello impossibile.

Eppure, qualcosa nel cuore degli ortodossi lo avvicina al parroco, nonostante le sue vere mancanze. Questo desiderio di avere un rapporto fecondo indica che nel rapporto tra il sacerdote e il credente le cose sono più sottili.

Questa relazione è diversa da qualsiasi altra relazione. Il prete non è il comandante di un reparto militare o il manager di una franchigia, né l’insegnante della classe, dove tutti devono superare le prove per ricevere i voti. Non è avvocato che cerchi di far perdonare la gentilezza del giudice all’imputato per i crimini commessi. Non è nemmeno un attore ingaggiato dai parrocchiani per farli sentire bene la domenica mattina, né un curatore di museo incaricato di preservare storie ancestrali, cultura e lingua. Non è uno psichiatra o un consulente familiare per risolvere i problemi personali di tutti. Non fu nemmeno nominato in parrocchia per essere amico di tutti. Potrebbe mostrare un po’ di tutto quanto sopra, ma non è quello che è, né come i credenti dovrebbero relazionarsi con lui.

Allora come dovrebbero relazionarsi i credenti ortodossi con il loro sacerdote?

Il sacerdote è un pastore. Alcuni pastori conducono le loro pecore con dolcezza e gentilezza, altri le trascinano per la nuca. Altri combattono ferocemente i lupi, altri si concentrano sul mantenimento della mandria in un pascolo sicuro e tremano al minimo rumore. Non importa come si prende cura di loro, una cosa è certa: il pastore ama le sue pecore. Non li giudica né li tratta male. Alcuni credenti sono inorriditi al pensiero di essere considerati “pecore”, e in effetti l’analogia non è perfetta, ma è forte in quanto viene usata dal Salvatore stesso (vedi Gv 10). E questa analogia la dice lunga sulle qualità del pastore, ma anche su quelle del gregge. Essere pastore significa considerare prima il bene delle pecore, fino a che non dia la vita per loro (Gv 10,15). Raramente, tuttavia, il sacerdozio comporta realmente la crocifissione, ma presuppone i moderni equivalenti spirituali e fisici di una vita nomade spesso romanzata, ma difficile da vivere. Confidare nel sacerdote come la pecora si fida del pastore è contrario a valori consolidati come l’egualitarismo e la democrazia, ma fa davvero parte del nostro rapporto con Cristo e la Sua Chiesa. Viviamo in un mondo pericoloso, abbiamo tutti bisogno della protezione di un buon pastore.

Il sacerdote è un dottore, la Chiesa è un ospedale che Cristo ha fatto per i malati, e il sacerdote è il dottore che guarisce e salva. Il buon dottore non giudica i suoi pazienti, né li tratta come fonte di guadagno. Non è infastidito dalle loro grida, né è disgustato dalle loro malattie. Il buon dottore non si prende cura delle persone per riscuotere il loro stipendio o altri beni, ma perché vuole davvero che stiano bene. Il buon medico cura la persona nella sua interezza, aiutandola a fare le scelte migliori nella vita e prescrivendole farmaci e diete che le permettano di vivere pienamente.

Un buon paziente prende sul serio la propria salute e collabora apertamente, onestamente con il medico. Prende sul serio i farmaci prescritti, lo informa del miglioramento o del peggioramento [della loro salute], in modo che il trattamento sia il più efficace possibile. Questo mondo è pieno di malattie, abbiamo tutti bisogno delle cure di un buon dottore.
Infine, il prete è il padre. Questo era un tempo chiaro e facile da accettare per le persone, ma non è più valido [oggi]. La maggior parte delle persone è stata colpita, direttamente o indirettamente, da divorzi, genitori violenti, padri violenti, che non sono modelli di ruolo. Non dobbiamo stupirci che molte persone portino con sé il trauma di una storia del genere quando si incontrano con il sacerdote, con Cristo, con la Chiesa. Raramente incontri qualcuno che abbia una sana intuizione di cosa significhi essere il genitore di un bambino o il figlio di un padre. Questo rende molto difficile il sano rapporto con il sacerdote. Per alcuni le cose sono ulteriormente aggravate dall’idea che il sacerdozio maschile sia un affronto alla dignità femminile. Queste due lenti distorcono l’immagine del sacerdote come padre della parrocchia. Per guarire questo trauma, il sacerdote deve essere affidabile e amorevole, e il credente deve reimparare cosa significa avere un padre. Il padre è colui che dà la vita, nutre, guida e protegge. Questo è il ruolo fondamentale del sacerdote, e non l’amministrazione o la disciplina (anche se possono avere anche queste il loro ruolo), ma l’incoraggiamento e il rafforzamento. Nostro Signore ci ama troppo per lasciarci orfani: tutti abbiamo bisogno di un genitore.
Infine, il nostro padre spirituale non deve piacerci affatto: il nostro rapporto con lui non riguarda le emozioni e la soddisfazione delle preferenze. La nostra connessione con lui è diversa da quella che abbiamo con gli altri. Anche se ti sembra noioso o sgradevole, è il tuo pastore, il tuo medico, il padre che, imitando Cristo, ha messo la sua vita affinché tu sia salvato. Quando ci si sente delusi o insoddisfatti per le mancanze del sacerdote, sarebbe bene ricordare la difficoltà della sua chiamata e il fatto che è un uomo, come gli altri.

Come qualcuno ha detto, i sacerdoti non sono ordinati perché sono perfettamente qualificati o degni, o perché meritano il privilegio del ministero: sono ordinati perché Dio ha scelto di prendersi cura del suo popolo attraverso altri fragili esseri umani. Che ci piaccia o no, la fragilità dovrebbe ricordarci che «le vie del Signore non sono come le nostre vie, né i suoi pensieri sono come i nostri» (cfr Is 55,8). Colui che ha rinato il mondo attraverso la follia della croce continua a portare le persone a Sé attraverso strumenti difettosi, strumenti come me e te.

Amen!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...