+ Symeon Cossec: Lettera per la quaresima di natale

Cari fratelli e sorelle,

Stiamo entrando nel periodo della Quaresima natalizia, il tempo dell ‘”attesa”!

E siamo ancora nel deserto … questo tempo infinito in cui ci nascondiamo dal “leone che si aggira in cerca di qualcuno da divorare”; il virus è ancora lì con le sue dolorose conseguenze.

Davvero, questa Quaresima è un tempo di attesa ma non un’attesa qualsiasi…

È l’attesa della venuta di Cristo in mezzo a noi. È l’attesa della salvezza. Questa è l’attesa per la liberazione …

Probabilmente avremo ancora giorni difficili di fronte a questa prova del male, della paura della malattia o della morte. Ma la paura non viene mai da Dio, viene dal demone che cerca di scoraggiarci, vederci disperati! , non lasciamoci ingannare dal bugiardo. Poiché è l’attesa di Dio che segna questa Quaresima, cerchiamo di corrispondere il più possibile a questo periodo.

Cerchiamo di essere persone di desiderio! Desideriamo Dio, desideriamo Cristo con tutte le nostre forze!

E chiediamogli di aiutarci a entrare in questo desiderio e di agire di conseguenza: Sì, siamo poveri, indigenti, i nuovi “Anawim”, i poveri di Yahweh, i poveri di Dio, cioè i “piegati “, i inclini “, i piccoli, i deboli, gli umili, gli afflitti, i miti … e anche fratelli dei poveri.

Siamo vicini a loro nella preghiera, nell’aiutarci a vicenda, nella compassione. Questo è un ottimo programma di Quaresima! Non guardiamo troppo lontano per trovarli, questa povera gente! Sono spesso accanto a noi, nella nostra famiglia, nella nostra casa, nella nostra comunità, nella nostra parrocchia. E non dimentichiamo che quello che facciamo al nostro fratello lo facciamo a Cristo …

Quindi, se vogliamo Dio, lo troveremo. Viviamo questo tempo nell’umiltà: ne abbiamo tutto da guadagnare: Maria, la Santissima Madre di Dio, fu colei su cui il Signore gettò gli occhi “sulla povertà della sua serva”, sulla sua “umiltà”.

Il Natale è il mistero stesso della povertà, la povertà di un Dio che si fa povero in mezzo a noi per farci ricchi con il suo amore, la sua misericordia, la sua compassione…

Sì, siamo in questa attesa, in una certa angoscia, ma abbiamo la speranza che è la più forte! Quindi lasciamo le nostre paure, preghiamo, digiuniamo, vegliamo. Abbiamo fede in Dio e … il deserto rifiorirà!

+Symeon, Vescovo di Domodedovo

Monastero di San Silvano del Monte Athos

Traduzione dei Monaci del Pantocratore di Arona

fonte: http://www.exarchat.eu/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...